International collaborative study to assess the suitability of candidate 1st WHO International Standards for HPV types 6, 11, 31, 33, 45, 52 and 58 DNA

Studio collaborativo internazionale per valutare l'idoneità di standard candidati come i primi standard internazionali dell’ OMS per il DNA dei tipi di HPV 6, 11, 31, 33, 45, 52 e 58

I metodi per la rilevazione e la genotipizzazione del DNA dell'HPV(Human Papilloma Virus) sono gli strumenti principali utilizzati negli studi per valutare i tumori HPV associati e l'impatto del vaccino anti-HPV. Pertanto, è fondamentale ,per ottenere risultati coerenti, significativi e comparabili tra laboratori, disporre di metodi di rilevazione accurati . La capacità dei laboratori di definire la sensibilità e la specificità dei saggi del DNA dell'HPV utilizzati dipende dalla disponibilità di standard biologici di riferimento ben caratterizzati e quantificati .

Uno standard biologico di riferimento funge da calibratore e rispetto ad esso viene misurata la concentrazione di un analita presente in un campione biologico. L'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) stabilisce standard di riferimento internazionali per le sostanze biologiche utilizzate nella prevenzione, trattamento o diagnosi di malattie umane proprio per fornire una base coerente per la misurazione delle sostanze biologiche da parte dei laboratori di tutto il mondo. La individuazione di nuovi standard da utilizzare nei test molecolari per la ricerca del virus HPV è un progetto che approvato durante la 59° riunione del Comitato di Esperti dell'OMS per la standardizzazione biologica (ECBS) . Nel 2010 l’OMS ha effettuato un primo studio per la valutazione degli standard internazionali per HPv 16 e HPV18 (Wilkinson et al 2010*).

Il Laboratorio Regionale Prevenzione Oncologica (LRPO) di ISPRO ha partecipato allo studio del 2010 ed è stato invitato nel novembre 2017 a partecipare allo studio collaborativo internazionale sostenuto dall'OMS per la valutazione dei primi standard internazionali per il DNA di HPV (Human Papilloma Virus): HPV 6, HPV11, HPV 31, HPV33, HPV 45, HPV 52 e HPV 58.

Gli obiettivi di questo studio collaborativo sono:

• Determinare il valore di ciascun nuovo stardard misurato come Unità Internazionale dell'OMS (UI)..

• Valutare l'idoneità dei nuovi stardard per la stardadizzazione e il controlli di qualità di un ampia gamma di test per la ricerca del DNA, la sua quantificazione e genotipizzazione dei tipi di HPV 6, 11, 31, 33, 45, 52 e 58.

 

Responsabile dello studio per ISPRO:
Francesca Carozzi
Biologo, Direttore f.f. Laboratorio Regionale Prevenzione Oncologica
Responsabile S.S. Laboratorio Regionale HPV e Biologia Molecolare
f.carozzi@ispo.toscana.it
 

Partecipanti  strutture ISPRO:
Simonetta Bisanzi Biologo, S.S. Laboratorio Regionale HPV e Biologia Molecolare

 

Collaboratori esterni presso ISPO:
Elena Burroni Biologo, S.S. Laboratorio Regionale HPV e Biologia Molecolare

 

*Establishment of the 1st World Health Organization international standards for human papillomavirus type 16 DNA andtype 18 DNA.- Wilkinson DE, Baylis SA, Padley D, Heath AB, Ferguson M, Pagliusi SR, Quint

WG, Wheeler CM; Collaborative Study Group.Dr. Robert D. Burk, Albert Einstein College of Medicine, Bronx, NY, USA; Dr. Francesca Maria Carozzi, Cancer Prevention and Research Institute (ISPO), Analytical Cytology and Molecular Unit, Florence Italy;Int J Cancer. 2010 Jun 15;126(12):2969-83. doi: 10.1002/ijc.25039.PubMed PMID: 19904756